Mattia Improta, il cuoco di “È sempre mezzogiorno” si racconta tra tv e famiglia

Mattia Improta

Raggiunto nella splendida isola di Capri, dove lavora per un importante ristorante, qualche giorno fa abbiamo avuto modo di incontrare l’amatissimo chef di È sempre mezzogiornoMattia Improta, figlio del più noto Mauro Improta. Insieme a lui abbiamo rivissuto i profumi e i sapori della sua infanzia, partendo dal rapporto con i suoi genitori e la nonna materna, passando per la sua scelta di voler seguire le orme del padre, fino ad arrivare alla sua esperienza in tv nel mezzogiorno di Rai 1.

LEGGI ANCHE > Chi è Mattia Improta, figlio d’arte dello chef di Antonella Clerici 

Una chiacchierata che ci ha svelato un ragazzo dal cuore d’oro con un sogno nel cassetto: riuscire a coniugare la sua passione per la cucina con quella per la moda. Un ragazzo che resta saldo alle sue origini partenopee ma che allo stesso tempo ama sperimentare e mettersi in gioco, in cucina come nel mondo delle passerelle, che sarebbero il suo sogno proibito.

Leggi l’intervista esclusiva subito dopo la foto!

Mauro Improta e Mattia Improta, è sempre mezzogiorno
Mauro Improta e Mattia Improta – Foto: Instagram @mattia_improta_

 

In questi anni abbiamo imparato a conoscerti come uno degli chef più amati e apprezzati della grande famiglia di È sempre mezzogiorno ma di te sappiamo ben poco: che bambino sei stato?

Sono sempre stato un bambino con la testa tra le nuvole, un po’ monello diciamo così (ride). Man mano, grazie alla cucina credo di aver messo la testa a posto: ci sono state varie esperienze lavorative che mi hanno permesso di maturare, crescere e diventare più responsabile. Ora, però, penso di essere addirittura cresciuto troppo in fretta.

 

Se pensi ad un profumo della tua infanzia, qual è la prima cosa che ti viene in mente?

Sicuramente il profumo di casa: ho sempre vissuto con mia nonna materna e ancora oggi abito con lei. Sono cresciuto con lei e sto diventando uomo accanto a lei. È stata la mia seconda mamma. Quindi sì, sicuramente il primo profumo che mi torna in mente se penso alla mia infanzia è quello di casa, quello della pasta al forno alla domenica, quello della famiglia riunita intorno al tavolo.

LEGGI ANCHE > Travel.mati, tutto ciò che sappiamo sulla content creator Matilde Silvestri

Mattia Improta
Mattia Improta – Foto: Instagram @mattia_improta_

 

Quando è nato il tuo amore per la cucina? Quando hai capito che avresti voluto seguire le orme di tuo padre?

La mia passione per la cucina è nata quando ero piccolissimo. Ogni sera, infatti, quando mio padre tornava da lavoro si metteva ai fornelli e creava nuove ricette ed io mi fermavo lì davanti a guardarlo. Quando poi l’ho visto in televisione, felice, sorridente, a suo agio, ho capito che avrei voluto seguire le sue orme.

 

Che rapporto avete tu e tuo padre?

Quando avevo 14 anni mio padre ha iniziato a portarmi con sé ai suoi show cooking. Poi abbiamo iniziato a lavorare insieme in ristorante, dove mi ha sempre trattato come un dipendente e non come suo figlio e questo mi ha permesso di crescere tanto e di imparare molto da lui. Questo lavoro [la cucina] ci ruba tantissimo tempo e quindi questo percorso che stiamo facendo, anche in tv, ci consente di trascorrere molto più tempo insieme di quanto ne trascorressimo quando ero piccolo. Adesso tra di noi c’è un bel calore, non che prima non ci fosse ma quando ero piccolo lui viaggiava molto per registrare le puntate a Roma; ora invece condividiamo anche quei momenti e questo ci permette di trascorrere molto più tempo insieme.

 

Mauro Improta e Mattia Improta, è sempre mezzogiorno
Mauro Improta e Mattia Improta – Foto: Instagram @mattia_improta_

 

Abbiamo due concezioni opposte della cucina: io sono più tradizionalista, lui è più attento ai nuovi trend, come le cotture a basse temperature. Vede la cucina in una chiave più futuristica scrive suo padre sul blog Casa Improta: che vantaggi vi porta questa diversità di vedute?

Devo dire che ci aiuta parecchio perché ci consente di unire le nostre idee: la sua è una cucina tipica, quella da tutti i giorni, la cucina genuina, napoletana, che non passerà mai di moda; la mia, invece, segue i trend del momento e si aggiorna giorno dopo giorno. Unendo questi due aspetti, quello più classico e quello futuristico, diamo vita a piatti originali.

 

A proposito di questo, da tre anni fai parte della grande famiglia di È sempre mezzogiorno: cosa ci dobbiamo aspettare da questa nuova edizione?

In realtà per quanto riguarda me e mio padre non ci saranno grosse novità: sicuramente torneranno i nostri battibecchi, che sono all’ordine del giorno anche in famiglia, e poi sicuramente porteremo dei piatti semplici che possano piacere al pubblico. Cercheremo di far incontrare i nostri due mondi in cucina. Sarà sicuramente un’altra stagione divertente.

 

Capita che ti definiscano come Il figlio di? Come rispondi?

Io ho sempre fatto tutto da me: ovviamente seguire l’esempio di mio padre mi ha aiutato ma ho sempre cercato di cavarmela da solo. Quando lavoriamo insieme in ristorante, mio padre mi tratta come tutti gli altri; non c’è mai stato nessun favoritismo da parte sua nei miei confronti, com’è giusto che sia. È capitato a volte, e sono certo che capiterà ancora, che mi definissero come “Il figlio di” ma io sono consapevole di essere arrivato dove sono grazie ai miei sforzi, ai miei sacrifici e non solo perché il figlio di Mauro Improta.

 

Mattia Improta e Antonella Clerici
Mattia Improta e Antonella Clerici – Foto: Instagram @mattia_improta_

 

Come dicevamo, nel 2020 sei sbarcato nel mezzogiorno di Rai 1 e hai conosciuto Antonella Clerici: com’è stato lavorare con lei? Cosa ti ha insegnato?

È una persona che io stimo tantissimo, non solo dal punto di vista lavorativo ma proprio caratterialmente: è limpida come la vedete in televisione. È una donna genuina, acqua e sapone. Io la apprezzo e la stimo tantissimo anche perché ha creduto in me sin da subito, mi ha dato l’opportunità di crescere, di formare il mio carattere e di entrare a far parte della bellissima famiglia di È sempre mezzogiorno. Mi ha dato l’opportunità di mettermi in gioco e cucinare davanti alle telecamere insieme a mio padre. Non smetterò mai di ringraziarla.

 

Spesso Antonella ti prende bonariamente in giro per il tuo modo di vestire e per i tuoi muscoli: quanto è importante per te l’aspetto fisico?

Sicuramente è molto importante: io mi alleno tutti i giorni, anche quando finisco tardi di lavorare cerco sempre di ritagliarmi qualche ora di palestra. Devo ammettere, però, che in questi ultimi mesi a Capri sono stato un po’ meno costante ma sicuramente ora riprenderò anche perché mi fa sentire meglio con me stesso. Non voglio essere il classico chef ma oltre al buon cibo ci tengo a far passare il messaggio che anche la cura del nostro corpo è importante.

 

LEGGI ANCHE > Alessandro Magni, dalla passione per la fotografia ai viaggi in tutto il mondo

Mattia Improta
Mattia Improta – Foto: Instagram @mattia_improta_

 

Quali sono i tuoi progetti futuri?

Al momento sto frequentando un’accademia di moda e nel futuro mi piacerebbe poter unire le mie due passioni, quella per la cucina e quella per la moda. In fondo, si tratta di due arti che, anche se non si direbbe, hanno molte cose in comune. In entrambe, ad esempio, è molto importante la cura del dettaglio oltreché la scelta dei materiali giusti per ottenere un risultato di qualità. Devo ammette poi che sin da piccolo il mio sogno era quello di calcare una passerella: mi piacerebbe mettermi in gioco e chissà magari un giorno poter sfilare per importanti brand d’abbigliamento italiani o internazionali. Io intanto mi tengo in forma, non si sa mai (ride).

 

Ti piacerebbe fare qualche altra esperienza oltre a È sempre mezzogiorno?

Se devo dirti la verità, sì. Sono anche stato contattato per partecipare ad un noto dating show ma al momento voglio dedicare tutte le mie forze a È sempre mezzogiorno; poi nel futuro chissà, mai dire mai!

Mattia Improta
Mattia Improta – Foto: Instagram @mattia_improta_
Mattia ImprotaMattia Improta, cuoco di “È sempre mezzogiorno” si è raccontato a noi di Rumors.it tra amore, famiglia e esperienze in tv: leggi l’intervista esclusiva…

CLICCA PER ANDARE DIRETTAMENTE ALLA FONTE DELLA NEWS