Selvaggia Lucarelli sulla morte di sua madre: “Ognuno elabora il lutto come desidera”

Selvaggia Lucarelli

Ieri pomeriggio la giornalista Selvaggia Lucarelli ha comunicato con un post su Instagram la morte della madre Nadia a causa del Covid. Poche ore dopo Lucarelli ha presenziato, come ogni sabato, a Ballando con le stelle, programma di Rai 1 in cui ricopre il ruolo di giudice. Il fatto di essere andata a lavorare, nonostante il lutto appena subito, ha suscitato molte polemiche alle quali Selvaggia ha risposto in un’intervista rilasciata al Corriere della Sera.

LEGGI ANCHE > Lucarelli comunica su Instagram la scomparsa della madre: “Morta di Covid e compromessi”

Selvaggia Lucarelli lutto: “Non accetto che mi si dica cosa devo provare”

A proposito delle critiche ricevute la giornalista ha affermato: “Io mi aspetto sempre il peggio, ma quando arriva è sempre un po’ peggio e un po’ più sgradevole di quello che mi aspettavo. Di base c’è un enorme corto circuito: siamo così abituati alla strumentalizzazione del dolore trasformato in pochi secondi in rivendicazioni, posizionamenti e fertilizzante per il proprio brand che se uno osa lasciarlo in una stanza, senza esibirlo e sventolarlo, viene additato come cinico”.

Selvaggia Lucarelli Ballando con le stelle
Foto: Marco Provvisionato / IPA

 

LEGGI ANCHE > Selvaggia Lucarelli su Montesano: “La Rai è senza colpe”. Interviene Enrico Mentana

In merito alla scelta di dare la notizia sui social, Selvaggia ha voluto specificare: “Io non ho scritto cosa provo, ho scritto che è morta. E non accetto che mi si dica cosa dovrei provare. Questo è un altro aspetto grave: si dà per scontato che la morte di un genitore debba voler dire sofferenza, dolore, che ci si debba chiudere in casa. Io rifiuto questi cliché sulla sofferenza dovuta. Bisogna dire a chiare lettere che ci si può sentire sollevati, anche se non è il mio caso. Non c’è nulla di dovuto, ognuno elabora il lutto come desidera“.

LEGGI ANCHE > Selvaggia Lucarelli, paura per la madre in ospedale: “Non ci fanno sapere nulla”

Selvaggia Lucarelli madre Covid: “Riandrei in onda altre cento volte”

Lucarelli è stata criticata oltre che dal pubblico anche da alcuni colleghi come il giornalista Clemente Mimun che su Twitter ha scritto che quando morì sua madre lo speciale del Tg1 di cui era responsabile non andò in onda. Una scelta personale che, secondo Selvaggia, deve rimanere tale. Quest’ultima ha infatti ribadito: “Non lascio che la retorica pubblica e il giudizio e il pregiudizio nei miei confronti condizioni e limitino le mie scelte. Lo rifarei altre cento volte. E quello che è successo non mi ha creato ulteriore sofferenza, ma diffidenza e amarezza. E ancora più consapevolezza di quanto la gente sia cinica e giudicante rispetto ai lutti altrui”.

Selvaggia LucarelliIntervistata dal Corriere della Sera, Selvaggia Lucarelli ha risposto alle critiche che le hanno rivolto per essere andata in onda poche ore dopo la morte della madre

CLICCA PER ANDARE DIRETTAMENTE ALLA FONTE DELLA NEWS