Shia LaBeouf e la conversione al cattolicesimo dopo aver interpretato il ruolo di Padre Pio

Shia LaBeouf fidanzata

Shia LaBeouf non si può negare abbia avuto una vita complicata. Tra dipendenze e accuse di ogni genere, l’attore molto spesso si è trovato ad affrontare periodi difficili. A causa delle sue azioni è stato licenziato da produzioni oppure a prendere parte a pellicole controverse e poco apprezzate dal pubblico, determinando un declino nella sua carriera cinematografica inesorabile. Tuttavia, l’attore di Transformers sembra aver ritrovato il suo equilibrio grazie ad un ruolo che gli ha cambiato la vita: Padre Pio.

LEGGI ANCHE > Britney Spears cancella il suo profilo Instagram: ecco le ragioni della sua scelta

Infatti, Shia per entrare meglio nella parte del Santo di Pietralcina ha iniziato a vivere in un monastero a stretto contatto con con i frati cappuccini. L’attore ha dichiarato di aver accettato di prendere parte al progetto in uno dei periodi più bui della sua vita dopo una serie di scandali pubblici. Tuttavia, la sua partecipazione attiva alla vita spirituale e la condivisione momenti di profonda fede con i frati lo ha aiutato a combattere i demoni che lo tormentavano in ogni momento della sua esistenza.

 

LEGGI ANCHE > Ozzy Osbourne, un cavallo gli ha fatto capire che era meglio smettere con le droghe

L’attore ha dichiarato durante un’intervista di 90 minuti con il Vescovo Barron proprio in riferimento a quel periodo: “Avevo sempre una pistola sul tavolo. Io non volevo più vivere quando poi è accaduto tutto questo. Ho provato vergogna come non l’avevo mai provata, quel tipo di vergogna che ti fa dimenticare come si respira. Non sai dove andare e non puoi uscire per comprarti nemmeno un taco. Ma avevo il desiderio di resistere“. L’attore ha spiegato che trovare la fede durante lo studio della vita e dei miracoli di Padre Pio è stata una sorpresa: non si aspettava di certo di trovare Dio sul posto di lavoro.

LEGGI ANCHE > JLo e Ben Affleck, dopo il lago di Como un bagno di folla per le vie di Milano

Shia LaBeouf conversione Padre Pio: “Ero finito al capolinea”

Ha concluso affermando: “La chiamata è avvenuta e io ero già lì, non avevo altro posto in cui andare: era il capolinea. Non sapevo più da che parte girarmi. Sapevo che Dio stava usando il mio ego per condurmi da lui, per strapparmi dai desideri materiali. Ed è accaduto tutto nello stesso momento: ma non ci sarebbe stato nessun impeto da parte mia di salire in macchina, guidare fino al monastero se non avessi pensato: “Devo salvare la mia carriera“. In seguito Shia ha aggiunto che la fede lo avrebbe salvato proprio grazie alla continua scoperta di se stessi che il cattolicesimo porta inevitabilmente fare: il processo di autocritica e introspezione lo hanno aiutato a prendere atto di tutti i peccati che ha compiuto nella sua vita.

Infatti, Shia è stato più volte accusato dalle sue ex fidanzate di essere un uomo violento e abusante. Proprio per questo motivo un anno fa è stato denunciato dalla pop star FKA Twings con l’accusa di violenza domestica. Tuttavia, attraverso questo viaggio spirituale l’attore sembra proprio voler cambiare vita. Il film dal titolo “Padre Pio” diretto da Abel Ferrara con Shia LaBeouf nel ruolo del mistico sarà presentato al Mostra del Cinema di Venezia nelle prossime settimane.

Shia LaBeouf fidanzataL’attore Shia LaBeouf ha deciso di convertirsi alla fede cattolica in seguito alla sua interpretazione di Padre Pio e ha raccontato di come il Santo e Dio gli abbiano salvato la vita

CLICCA PER ANDARE DIRETTAMENTE ALLA FONTE DELLA NEWS