Vanity Fair, intervista doppia per Drusilla Foer e… Gianluca Gori

Drusilla Foer Sanremo

Il personaggio del momento conquista la cover di Vanity Fair. Stiamo parlando di Drusilla Foer, che per la prima volta ha accettato di essere intervistata con il suo creatore e alter ego, l’artista Gianluca Gori. L’attore, autore e cantante si è raccontato a tutto campo, alla sua maniera irresistibile e profondamente sincera.  Si è parlato di passato, di presente e anche di quello che verrà nel futuro. Due esempi? Il Festival di Sanremo e la nuova avventura di Drusilla in Rai.

LEGGI ANCHE > Drusilla Foer di nuovo a Sanremo? Sì, ma a una condizione

La prima domanda che è stata posta a Gori ha riguardato i confini del personaggio. Più precisamente, dove finisce Gianluca e dove inizia Drusilla? La risposta che i due hanno dato a Vanity Fair è stata molto chiara e concisa: “Non ci sono limiti. Perché Drusilla non prende lo spazio di nessuno. È tutto naturale. Com’è naturale che nell’Amleto di Shakespeare a un certo punto Polonio muoia. Qui dentro ognuno è al suo posto”. Altre domande, più simpatiche, hanno riguardato la vita sentimentale di Drusilla: qualcuno si è mai innamorato di lei? La risposta data è stata affermativa, ma purtroppo non si può corrispondere perché: “Siamo in troppi in questo contenitore. È troppo affollato per rispondere a un solo amore”, ha svelato.

Drusilla Foer
Foto: Instagram @drusillafoer

 

LEGGI ANCHE > Sanremo 2023, Chiara Ferragni è la prima co-conduttrice: le sue prime parole

La seconda parte dell’intervista ha riguardato la presenza di Drusilla al Festival e nel prossimo programma Rai che la vedrà nel ruolo di conduttrice. Sul suo monologo sanremese, ha affermato: “Che cosa faticosa l’odio, non trova? (…) Chi non capisce, chi non rispetta, chi non ascolta l’unicità degli altri è una persona sfortunata perché non si concede la libertà di farsi ispirare dal pensiero degli altri. È una prigionia che non auguro a nessuno”. Per quanto riguarda il ritorno del format Almanacco del giorno dopo, Drusilla ha sottolineato come lo vivrà senza nostalgia, aggiungendo: “La contemporaneità è una storia di lealtà intellettuale ed emotiva”.

LEGGI ANCHE > Sanremo 2022, Drusilla Foer: un’artista “unica” che emoziona con il suo monologo

Drusilla Foer Gianluca Gori, intervista doppia e uno sguardo al futuro

Infine, il momento più profondo dell’intervista. Perché la contemporaneità continua ad avercela con le donne con la loro libertà e col loro diritto ad autodeterminarsi? La risposta:” È da sempre così: la storia delle società ha un problema di rapporto con l’individuo. La società ce l’avrà sempre con le donne perché rivedere lealmente la figura femminile presuppone di scalzare altre visioni dell’uomo che sono quelle che ci hanno tranquillizzato da secoli”. Infine, si fa un cenno al passato e si chiede a Gori cosa pensano i suoi genitori di questo suo progetto. La madre, in vita, ne è molto contenta; il padre, che non c’è più, ne sarebbe divertito e sicuramente orgoglioso.

Drusilla Foer Vanity Fair
COVER VANITY FAIR ITALIA – 6 LUGLIO 2022
Crediti: Ufficio Stampa Vanity Fair Italia
Drusilla Foer SanremoDrusilla Foer si fa intervistare per la prima volta con il suo alter ego e creatore Gianluca Gori. Ecco cos’ha da dirci…

CLICCA PER ANDARE DIRETTAMENTE ALLA FONTE DELLA NEWS